Concluso il Nesos King of Grommets, ecco com'è andata

OLBIA. Entrambi gli eventi sono stati organizzati dall’associazione sportiva Marinedda Bay con il patrocinio del Comune di Trinità d’Agultu. Il Nesos King of Grommets ha messo in competizione circa sessanta atleti arrivati da tutta Italia, pronti a contendersi i podi e quindi ad accumulare punti in classifica. La tappa della Marinedda è infatti la seconda del campionato. I giovani surfisti si ritroveranno nelle prossime settimane a Fregene e infine nuovamente a Buggerru, dove si decideranno i nuovi titoli italiani.
Il Nesos King of Grommets si è svolto su onde regolari e perfette e in alcuni casi pettinate dal vento off shore. Per quanto riguarda gli uomini, nella categoria degli Under 12 il primo è stato Scoppa, seguito da Manfredi, Gennari e Bertilotti. Tra gli Under 14 l’ha spuntata Baita, seguito da Giovannoni, Cipriani e Nicolò Calatri. Negli Under 16 ha vinto Lazzarini, secondo Pavoni, poi Marullo e infine Funari. L’Under 18 ha visto la vittoria di Matteo Calatri, già vincitore venerdì al Marinedda Bay Open, seguito da Manzo, Cartoni e Devilla. Infine, per l’Under 18 donne ha trionfato Pacitto, seconda Banchieri, terza Salvati e quarta Sica.
«Vedere la spiaggia invasa da giovani surfisti è stata una delle immagini più belle del week end – raccontano dall’associazione MarineddaBay – decine e decine di atleti promettenti si sono sfidati sulle onde della Sardegna e hanno cercato di conquistare la posizione migliore nella classifica generale. Abbiamo assistito a una fine settimana epico, prima con la gara del Marinedda Bay Open e poi con la il contest degli juniores. C’era una grande atmosfera di sportività, amicizia e divertimento è questo alla fine il ricordo più prezioso e bello di queste giornate».
Il Nesos King of Grommets è stato supportato da Monster Energy, Nesos surf shop, Marineddabay e Cantina Li Seddi, birra Dolmen con il patrocinio del Comune di Trinità d'Agultu e in collaborazione con il Bar ristorante il Cormorano, il Chioscobar Mistral, il Ristorante il Saggittario, Canneddi beach di Cala Rossa, e l’Aqua Fantasy.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
ANSO