Domenica al Museo Archeologico di Olbia il "Premio Lega Navale day"

OLBIA. Questa domenica, primo dicembre, appuntamento con la terza edizione del Lega navale day, la serata organizzata dalla Lega navale di Olbia con il Comune per raccontare un anno di iniziative sul mare e per il mare.

Il Premio.  Ma anche per consegnare il premio “Lega navale day - il mare ci unisce” a una personalità che si è distinta per aver dato lustro alla Sardegna diventando ambasciatore dei valori del mare. Quest’anno il direttivo del sodalizio olbiese guidato dal presidente Tonino Cassetta, ha deciso di assegnarlo a Giancarlo Tonolo, direttore della struttura complessa di Diabetologia di Olbia. Con il progetto Atlant1ca di cui è stato ideatore, Tonolo ha fatto affrontare a cinque pazienti diabetici, tutti insulinodipendenti una esperienza sportiva estrema: la traversata dell’Atlantico in barca a vela. A bordo del Jeanneau 52 Mizar 3, con al timone lo skipper professionista Francesco Da Rios, l’equipaggio ha percorso 2700 miglia all’interno della storica Arc, Atlantic rally of cruises. Una impresa sportiva, scientifica e umana di altissimo valore che ha dimostrato sul campo come i diabetici, con le dovute attenzioni, possano affrontare una lunga navigazione e una traversata in condizioni estreme. I pazienti velisti erano dotati di un sistema di infusione di insulina in continuo attraverso un  microinfusore di ultima generazione. In più erano dotati di un sensore per la misurazione del glucosio sotto la pelle che con un suono o una vibrazione, li aggiornava sul loro stato di salute. Tutti i dati sono stati trasferiti via satellite e in tempo reale nel laboratorio di Olbia dove venivano elaborati e interpretati, determinando eventuali cambi di terapia a seconda della situazione.

In passato il premio Lega navale day è stato assegnato a Renato Azara per le imprese veliche di Adelasia di Torres e alla Capitaneria di Porto di Olbia per l’intervento di salvataggio nel Tirreno di due pescatori naufragati con la loro barca.
La madrina. Quest’anno la manifestazione avrà una madrina di eccezione, la voce della Sardegna: Maria Giovanna Cherchi. La cantante regalerà al pubblico del museo archeologico alcuni dei suoi pezzi più famosi. Oltre al brano “Lughe de Deus” con i B.Brothers.
Gli ospiti. Oltre ai B.Brothers sul palco del museo dalle 18 si esibiranno il duo Anna e Riccardo e il coro sos Astores di Golfo Aranci.
Le borse di studio. Nel corso della serata verranno consegnate le borse di studio agli studenti vincitori della decima edizione della “Remata della gioventù”. Tre intitolate a Salvatore Mura e tre al Guardiamarina Marco Brunazzo. Saranno inoltre premiate le aziende che con il loro supporto hanno consentito la nascita e la crescita della Remata della gioventù.

La mostra fotografica. Dieci anni della Remata della gioventù raccontate dagli scatti della mostra fotografica “Dieci anni di pale a prora”. La mostra sarà allestita nei locali del museo: scatti che raccontano la fatica, lo sforzo fisico degli studenti rematori, ma anche il divertimento di stare insieme e il clima di festa di dieci anni della manifestazione regina della Lega navale.
Diplomi timonieri. A fine serata saranno consegnati i diplomi agli adulti della Remata dei mestieri e della Remata delle stagioni che hanno frequentato il corso per diventare timonieri dei palischermi utilizzati nelle competizioni remiere.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
ANSO