Domani a Olbia l'Ocean Night a sostegno della campagna plastic free "Uniti per il Pianeta"

OLBIA. Fa tappa in Sardegna, a Olbia, 'Ocean night’, la serie di eventi "plastic free" in giro per l’Italia lanciati dall’Associazione Italiana Giovani per l'UNESCO, in collaborazione con One Ocean Foundation, dedicati alla salvaguardia del mare e per rilanciare e sostenere la campagna #unite4earth - “uniti per il Pianeta” promossa all’UNESCO Italian Youth Forum di Trieste ad aprile 2019.
Obiettivo dell’iniziativa: sensibilizzare un sempre maggior numero di persone, in particolare le nuove generazioni, a introdurre nuove abitudini a difesa dell’ambiente, alcune delle quali volte ad evitare la dispersione delle plastiche in mare.

Giovedì 30 gennaio a Olbia dalle 09.30 il nuovo appuntamento (dopo quello di Roma, Verona, Trieste e Bari) inizierà con la conferenza nel Museo Archeologico. Esperti, ricercatori e imprese racconteranno come è possibile raggiungere importanti risultati per la difesa del nostro mare, attraverso il racconto di progetti ed iniziative virtuose.
La giornata proseguirà con l’esibizione alle ore 18:30 del gruppo musicale "Il Volo" in Piazza Dionigi Panedda (Piazza della Biblioteca Simpliciana), per poi concludersi presso l’Art Academy per l’aperitivo a impatto zero e sarà possibile ammirare il Palazzo Municipale e la Biblioteca Simpliciana che si illumineranno di blu. Per l'occasione, grazie alla preziosa collaborazione del Consorzio “Io Centro”, i negozianti del Corso Umberto I allestiranno le vetrine a tema.
Gli eventi sono aperti a tutti coloro che vorranno condividere il messaggio della campagna, e la salvaguardia del pianeta.
Il programma:

Museo archeologico Olbia - ore 9:30

Saluti Istituzionali

▪ Settimo Nizzi, Sindaco Comune di Olbia

▪ Sabrina Serra, Assessore Cultura Comune Olbia

Tavola rotonda

▪ Giulio Magni, One Ocean Foundation

▪ Giovanna Spano, Area Marina Protetta Tavolara Punta Coda Cavallo

▪ Carmelo Isgrò, biologo e fondatore del MuMa - Museo del Mare Milazzo

▪ Giovanni Maria Mutzu, DS ITCT "Panedda" Olbia

▪ Raimondo Mandis, Slow Food Cagliari

▪ Marcello Muntoni, Bolmea Il gelato di Sardegna

▪ Giovanni Conti, Davide Sanna, Mariangela Melino, Andrea Farina e Matteo Sanna - Relicta - Innovation of packaging

Modera Gianfranco Sanna (Rappresentante regionale Sardegna - Associazione Italiana Giovani per l’UNESCO)


Perché le Ocean Night? La plastica costituisce il terzo materiale umano più diffuso sulla terra. Si stima che nell’ambiente siano disperse 6,3 miliardi di tonnellate di plastica, di cui ogni anno 8 milioni di tonnellate finiscono nel mare e negli oceani.

I prossimi appuntamenti Ocean Night si terranno a Terni e Parma.

“Stiamo portando le Ocean Night in tutta Italia e riscontriamo ovunque un grande successo di pubblico, attento e interessato”, sottolinea Antonio Libonati, presidente dell’Associazione Italiana Giovani per l’UNESCO. “Crediamo che ognuno di noi anche nei più semplici gesti quotidiani può fare la differenza e mettere in atto il cambiamento: l’aperitivo plastic-free ne è un esempio. Per noi è fondamentale parlare ai giovani dei temi che ci stanno a cuore, come la difesa dell’ambiente e delle risorse della terra, alla base della campagna #unite4earth”.

“L’inquinamento delle acque derivante dalla plastica è un’emergenza che ci chiama ad agire adesso e siamo felici di poter portare avanti questa partnership con l’Associazione Italiana Giovani per l’UNESCO, uniti dall’obiettivo di aumentare la consapevolezza sul corretto utilizzo di plastica, in particolare tra le nuove generazioni, e proteggere il nostro ecosistema” – commenta Jan Pachner, Segretario Generale di One Ocean Foundation.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
ANSO