Emergenza Coronavirus, a Olbia nuovi percorsi ostetrico ginecologici

 (foto: OlbiaNotizie.it)
(foto: OlbiaNotizie.it)
OLBIA. Il diffondersi del Coronavirus comporta ulteriori restringimenti negli accessi negli ospedali, i quali verranno valutati di volta in volta dagli operatori sanitari. Al fine di tutelare la salute e la sicurezza dei degenti e degli stessi operatori e rispettare le direttive del Ministero della Salute, subiscono una modifica dei percorsi anche gli accessi delle gravide che arrivano in urgenza negli ospedali della Assl di Olbia.

Tutte le pazienti che necessitano di valutazione ostetrico-ginecologica urgente, che arrivano all’ospedale Giovanni Paolo II con ambulanza del 118 o con i volontari o con propri mezzi, e che non presentano gravi sintomi correlati a Covid 19, sono invitate a mettersi in contatto col Ginecologo di guardia per eseguire un triage telefonico prima del loro arrivo in ospedale.
Per eseguire il triage telefonico le pazienti devono contattare il Medico di guardia componendo lo 0789 552823 – 977.

Tutte le pazienti devono indossare mascherina chirurgica e non possono accedere direttamente al reparto.
Le gravide che presentano sintomi prevalentemente legati ad infezione da Covid 19, accedono al Pronto Soccorso.

In seguito al triage telefonico:
-    La paziente non sospetta per contagio da coronavirus viene visitata nella sala Pronto Soccorso, allestita all’esterno del reparto di Ginecologia/Patologia Ostetrica, piano 1, Pad D1
-    La paziente sospetta per contagio da coronavirus (febbre o sintomatologia similinfluenzale, contatti a rischio, area di provenienza) viene invitata a raggiungere l’ingresso della Dialisi e segue un PERCORSO DEDICATO, isolato dal resto dell’ospedale. La paziente attende in auto o ambulanza davanti all’ingresso della Dialisi, dove si prosegue il triage e, a seconda dell’esito, prosegue il suo percorso nella Tenda bianca allestita di fronte all’ingresso della Dialisi, in cui viene terminato il triage ostetrico-ginecologico e, nel caso, vengono eseguiti ulteriori accertamenti e l’eventuale ricovero in un’area dedicata.
-    La paziente con situazione di emergenza (emorragie gravi, parto imminente, stato di shock etc.) accede al reparto per le vie più brevi solite, salvo non sia emersa una situazione eclatante di infezione da coronavirus con compromissione respiratoria che suggerisca accoglienza in Pronto Soccorso per manovre rianimatorie
E’ indispensabile che il personale del 118, i volontari e le stesse partorienti, in arrivo verso l’ospedale contattino il medico di guardia (0789 552823) o il personale della sala parto (0789 552977) per avvisare e scegliere il percorso d’accesso più opportuno.
In questa fase si chiede alle neo mamme e neo papà una maggiore collaborazione: a tutela della salute dei neonati, infatti, nel reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Giovani Paolo II di Olbia verranno limitati gli accessi delle visite che verranno comunque concordati di volta in volta con il personale sanitario.


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  •  (foto: OlbiaNotizie.it)
ANSO