Domani consiglio comunale ad Arzachena: si parlerà della Fase 2 e della ricetta per la stagione

OLBIA. Arzachena prima destinazione turistica della Sardegna, con oltre 1 milione 200 mila presenze annue, circa 140 strutture ricettive sparse su un territorio di 220 chilometri quadrati e 88 di litorale, è particolarmente colpita dalla crisi legata all’emergenza economico sociale derivante dal Covid 19. Al centro del  suo discorso di apertura, al primo punto dell’ordine del giorno del consiglio comunale previsto domani alle 15:00, il sindaco Roberto Ragnedda illustrerà la ricetta messa a punto dall’Amministrazione di concerto con gli esponenti delle realtà imprenditoriali e associative locali per sostenere le aziende che, da Porto Cervo, a Baja Sardinia, a Cannigione fino a quelle localizzate nell’agro, vivono nell’incertezza accanto ai loro dipendenti.
 

Il sindaco prenderà posizione anche in merito all’annoso problema della carenza dei servizi sanitari al poliambulatorio di Arzachena e, in generale, nell’ambito territoriale competente di Olbia e Tempio. In particolare:

* sulla cancellazione da parte della Ats di Olbia del progetto Dialisi vacanze, che assicurava il trattamento dialitico a circa un centinaio di turisti in vacanza in Gallura da maggio a settembre;
* sulla carenza di personale amministrativo e la mancata individuazione di un nuovo pediatra di ruolo nella struttura di Arzachena.

Fin da oggi, è possibile rendere noto anche l’esito negativo al Coronavirus dei tamponi a cui sono stati sottoposti tutti gli operatori della residenza per anziani di Arzachena. Maggiori dettagli verranno resi noti durante il consiglio di domani trasmesso in via telematica con i consiglieri connessi dalle loro abitazioni.


La seduta sarà trasmessa on line sulla consueta piattaforma Tv dei Comuni accessibile dalla pagina Facebook Amministrazione comunale di Arzachena o dal sito www.comunearzachena.it


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
ANSO