I babbi rientrano in sala parto al Giovanni Paolo II" di Olbia

di Davide Mosca | Twitter: @davidemosca1
OLBIA. Molti papà in questo periodo di emergenza non hanno potuto assistere al parto a causa delle misure per il contenimento del contagio in vigore negli ospedali: ora la Assl Olbia ha realizzato nuovi percorsi che prevedono la possibilità di farli accedere nella sala parto dell'ospedale "Giovanni Paolo II" di Olbia, adottando tutte le precauzioni necessarie a garanzia della sicurezza dei futuri genitori, dei neonati e degli operatori del punto nascita. Da Mercoledì 29 aprile scorso, la presenza del partner in sala parto è prevista per i futuri papà asintomatici, muniti di dispositivi di protezione individuale, in tutte le pazienti Covid negative e asintomatiche e in assenza di ulteriori fattori di rischio e con triage negativo.

L'esecuzione del tampone a tutte le partorienti comprime il rischio di diffusione del virus, rendendo la sala parto più sicura, e consentendo l'ingresso dei partner in sala.
Non è invece ammessa la presenza del partner delle pazienti Covid positive.

 Anche per il partner è previsto uno screening ad hoc prima dell’accesso alla struttura ospedaliera che dovrà avvenire sempre con i dispositivi di protezione individuale.
"Un passo importante verso la normalità per dare la possibilità alle famiglie di riappropriarsi del magico momento della nascita", spiega la Direzione dell'Assl Olbia che ha da subito avallato i nuovi percorsi proposti dal reparto di Ostetricia e Ginecologia e dalla Direzione Medica dell'ospedale olbiese.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
ANSO