Riprende il servizio pasti a domicilio nel comune di Arzachena con nuove misure di sicurezza

OLBIA. Nel Comune di Arzachena riprendono gradualmente le attività organizzate dai Servizi sociali e gestite dalla società municipalizzata Ge.se.co Surl. Si parte dalla consegna dei pasti a domicilio, sospesa nel periodo dell’emergenza sanitaria per limitare il rischio contagio da Covid-19 per anziani e soggetti non autosufficienti.

“Una ripresa graduale dei servizi che verrà ampliata man mano che le condizioni lo consentiranno. Fino a quando non torneremo a una situazione di normalità, è necessario prevedere particolari precauzioni, soprattutto in relazione a fasce deboli della popolazione - spiega Gabriella Demuro, assessore ai Servizi sociali -. Il servizio dei pasti a domicilio, in particolare, riprende con la sola preparazione e consegna degli alimenti in contenitori di acciaio, ma eviteremo l’ingresso dell’operatore nelle abitazioni e l’assistenza a stretto contatto, per quanto possibile. Sono previsti due turni, il primo per la consegna dei pasti caldi con due operatori e il secondo per il ritiro dei contenitori con un solo operatore”.
 

Le misure anti contagio adottate impongono aggravi in termini di tempo e logistica per la gestione del servizio che coinvolge 22 assistiti in città.
 
I dipendenti dovranno rispettare tassativamente le disposizioni della circolare sulle misure di prevenzione per il contenimento della diffusione del Covid-19. Previsti anche dei moduli da consegnare e far sottoscrivere prima di riprendere il servizio. Particolare attenzione sarà riservata alla fase di ritiro dei pasti dalla cucina, alla fase di trasporto e a quella di consegna. Gli operatori devono essere sempre dotati dei dispositivi di protezione individuale, come guanti e mascherine, e di gel igienizzante da tenere sempre a portata di mano e negli automezzi.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
ANSO