Tre fratelli nei guai per usura nel nord Sardegna

OLBIA. Nei giorni scorsi la Polizia di Stato della Questura di Sassari ha notificato l’avviso conclusione d’indagine, coordinate dal Sostituto Procuratore della Repubblica Angelo Beccu, a carico di due fratelli ed una sorella sassaresi, rispettivamente di anni 59, 43 e 52, indagati per il reato di usura pluriaggravata in concorso tra di loro.

I malviventi prestavano alle vittime, in condizioni di difficoltà economica e finanziaria, del denaro, riavendolo indietro con dei tassi usurai.
L’attività d’indagine, svolta dagli uomini della Squadra Mobile, è iniziata nei primi mesi del 2018, quanto la parte offesa, gravata dagli interessi usurai richiesti dai loro creditori, si era presentata negli Uffici della Questura per chiedere aiuto.
Gli uomini della Squadra Mobile, sentita la versione dei fatti ed informata l’Autorità Giudiziaria, hanno avviato immediatamente le indagini.
Dall’attività investigativa posta in essere è emerso che le vittime si erano rivolte ad una nota famiglia sassarese per avere liquidità di denaro e poter far fronte ad alcuni debiti pregressi.

I fratelli, dopo aver elargito un prestito di alcune migliaia di euro, chiedevano un interesse calcolato nell’ordine del 20% mensile. Per alcuni mesi, i debitori sono riusciti a pagare gli importi richiesti, ma in un secondo momento, non potendo più far fronte alle spese, chiedevano altra liquidità che li ha portati ad un ulteriore aggravio alla già difficile situazione economica, tanto da non riuscire più ad onorare il prestito.

Infatti, nel mese di aprile 2018, alla vittima, è stata sottratta anche la propria autovettura, “trattenuta” come garanzia della “rata” in scadenza.
Le indagini hanno portato, sin da subito, a scoprire quei meccanismi nascosti dell’usura con tassi di interesse del 240% annuali avrebbero certamente indirizzato la vittima ad indebitarsi ulteriormente tanto da rischiare di perdere l’intero capitale costituito da attività commerciali e immobiliari.
E’ emerso inoltre che gli aguzzini, in un’occasione, si erano serviti di una terza persona al fine di costringere al pagamento i debitori “insolventi”, anche attraverso minacce dirette quali l’incendio dell’attività commerciale e dell’abitazione.

Conclusa l’indagine, gli investigatori hanno accertato che la parte offesa aveva accumulato un debito di circa 23mila euro, corrispondenti ai soli interessi di una somma percepita di circa 18.200 euro, che allo stesso era stata corrisposta in diverse trance.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
ANSO