La Regione stanzia oltre 3 milioni di euro per interventi di mitigazione del rischio idrogeologico

OLBIA. Stanziate le risorse per gli interventi di manutenzione ordinaria dei corsi d’acqua di competenza degli Enti locali. Si tratta di oltre 3 milioni di risorse suddivise per annualità - 2020-2021-2022 - per le quali ora dovrà essere effettuata la programmazione sulla base degli Enti pubblici che saranno ammessi al finanziamento. La Giunta regionale, su proposta dell’Assessore dei Lavori Pubblici Roberto Frongia, ha infatti approvato la ripartizione delle risorse per il triennio inserite nel programma straordinario di interventi volti alla manutenzione ordinaria del reticolo idrografico del territorio regionale. Grazie alla delibera i Comuni che erano stati esclusi dalla programmazione dello scorso anno potranno accedere al contributo finanziario per intervenire nelle situazioni più critiche e garantire una migliore efficienza del funzionamento idraulico dei corsi d’acqua che attraversano i territori di competenza.

“Considerata l’importanza dell'attività di manutenzione del reticolo idrografico, sia naturale che artificiale, abbiamo messo a disposizione degli Enti locali che ne vogliano fare richiesta le risorse necessarie alla manutenzione dei corsi d’acqua, che stanzieremo secondo criteri e graduatorie definiti – spiega l’Assessore Frongia - Lo stanziamento delle risorse, pari complessivamente a euro 3.022.210, consentirà di proseguire l’azione tesa a contrastare una delle principali cause di pericolosità idraulica dei corsi d'acqua che attraversano il territorio regionale, in coerenza con i contenuti del Piano Stralcio per l'Assetto Idrogeologico e del Piano di Gestione del Rischio di Alluvioni. Grazie a questa misura puntiamo a garantire la sicurezza dei territori, con evidenti riflessi sull’incolumità delle persone e sulla salvaguardia dei beni”.

Insieme alla programmazione delle risorse la Giunta regionale ha anche approvato i criteri di assegnazione di ciascun contributo e le modalità di accesso al finanziamento. Non saranno ammessi i soggetti già beneficiari della precedente programmazione 2019-2020-2021, i soggetti beneficiari della programmazione 2015-2016-2017 che non abbiano speso almeno il 50% dell'importo complessivo dei contributi ottenuti per l'intero triennio, i soggetti beneficiari della programmazione 2017-2018-2019 che non abbiano speso almeno il 30% dell'importo complessivo delle annualità 2017 e 2018.

Gli interventi di pulizia e manutenzione dovranno essere eseguiti secondo le disposizioni e le norme tecniche stabilite dalle Direttive per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti approvate dal Comitato Istituzionale dell'Autorità di Bacino.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo